IL PROGETTO

“La scuola che legge”, che trova le sue radici ne “La città che legge”, è un progetto che nasce nel 2017 con la finalità di portare la lettura e la letteratura all’interno delle scuole di ogni ordine e grado.

Finanziato dalla Fondazione Sardegna, nasce nella zona del Sulcis, e vede la collaborazione fra le diverse scuole del territorio, che formano una rete guidata da una scuola capofila, e la libreria Lilith di Carbonia, insieme all’associazione Libriamoci. Queste ultime si occupano della progettazione della bibliografia da proporre alle scuole, dove vengono inseriti titoli attinenti al tema dell’edizione, e della successiva distribuzione dei titoli scelti dagli e dalle insegnanti.

I temi scelti sono sempre improntati al risveglio della coscienza, per capire meglio se stessi e gli altri, e all’apertura nei confronti del mondo che ci circonda, per coglierne le varie sfumature. I libri selezionati spaziano fra i vari generi: dall’avventura all’autobiografia, dal genere storico alla fantascienza… i messaggi importanti si possono nascondere dietro ogni storia!

“La scuola che legge” si compone di diversi momenti che coinvolgono le classi durante tutto l’anno scolastico, il primo dei quali è la presentazione della bibliografia alle scuole, durante il quale vengono per la prima volta presentati i libri alle classi, e segna l’inizio della nuova edizione de “La scuola che legge”. Il passo successivo è quello di arricchire le biblioteche scolastiche con i titoli scelti dagli e dalle insegnanti per ciascuna classe partecipante al progetto.

Ma “La scuola che legge” non si limita a portare all’interno delle classi titoli selezionati, infatti durante l’anno scolastico sono previsti gli incontri con alcuni degli scrittori e scrittrici i cui libri son presenti nella bibliografia: è uno dei momenti più importanti del progetto, i ragazzi e le ragazze potranno infatti conoscere ed ascoltare gli autori e le autrici delle storie che hanno letto.

Ma le esperienze non sono finite qui: son previsti anche dei laboratori organizzati dalla Cooperativa MEELA, che si compongono di lezioni di lingua sarda e di preparazione di alcune classi in vista delle interviste agli scrittori o scrittrici, e la proiezione e visione di film, a cura della Società Umanitaria di Carbonia, sempre attinenti al tema dell’edizione.

Infine si arriva al momento che segna invece la chiusura dell’edizione: la festa della lettura. Questa è una giornata in cui tutte le classi partecipanti al progetto s’incontrano e presentano gli elaborati prodotti durante l’anno sui libri letti. È un momento di condivisione, di scambio di impressioni, di sana competitività (ogni anno vengono premiati i lavori migliori), e, perché no, di divertimento.